Domus Aurea | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

Domus Aurea

Domus Aurea
Domus Aurea
Domus Aurea
Domus Aurea
Domus Aurea
Domus Aurea

Dopo l’incendio del 64 d.C., che distrusse gran parte del centro di Roma, l’imperatore Nerone iniziò la costruzione di una nuova residenza, che per il suo sfarzo passò alla storia con il nome di Domus Aurea.

Era la più grande e la più sontuosa delle residenze imperiali che si estendeva dal Colle Palatino fino al Colle Oppio e parte del Monte Celio coprendo circa un miglio quadrato.

La reggia, progettata dagli architetti erano Severo e Celeris e decorata da un certo Fabullo o Famulo, era costituita da una serie di padiglioni separati da giardini, boschi e da un lago artificiale, situato nella valle dove oggi sorge il Colosseo. I nuclei principali del palazzo si trovavano sul Palatino e sul colle Oppio ed erano celebri per la sontuosità della decorazione. L’enorme complesso comprendeva innumerevoli sale per banchetti, tra cui la famosa coenatio rotunda, una grande sala ottagonale con volta a padiglione che, secondo Svetonio, ruotava su se stessa giorno e notte, e un enorme vestibolo che ospitava la statua colossale dell’imperatore nelle vesti del Dio Sole. Le stanze erano finemente decorate e arricchite da statue che provenivano dalla Grecia e dall'Asia Minore.

Il nucleo principale della Domus Aurea era costituito da due cortili pentagonali che fungevano da raccordo tra il settore occidentale e quello orientale. Le pareti furono decorate fino ad un certo livello con lastre di marmo ormai perdute, mentre la parte superiore ed i soffitti furono decorati con dipinti e stucchi di figure mitiche (Achille e Scirus, Ulisse e Polifemo, Ettore e Andromaca). Le stanze sono ora buie e cupe, ma in origine la luce era la caratteristica predominante quando tutte le stanze erano aperte sul porticato che offriva una bella vista sulla valle con il suo lago artificiale e giardini che lo circondano.

Dopo la morte di Nerone, i suoi successori vollero cancellare ogni traccia dell’imperatore e del suo palazzo, spogliando i lussuosi saloni dei rivestimenti e delle sculture, riempiendoli di terra fino alle volte e utilizzandoli come fondazioni per altri edifici. Sulla Domus Aurea furono costruite le Thermae Traiani  che ha consentito la conservazione di alcuni ambienti della Domus fino ai nostri giorni.

I padiglioni oggi visitabili sono quelli collocati sul colle Oppio, probabilmente destinati a feste e banchetti, che, dopo la morte di Nerone, furono sepolti dalle grandi terme di Traiano, rimanendo sconosciuti sino al Rinascimento, quando, dopo alcuni ritrovamenti fortuiti, artisti appassionati di antichità come Pinturicchio, Ghirlandaio, Raffaello e Giulio Romano iniziarono a calarsi dall'alto in quelle ‘grotte’, copiando i motivi decorativi che esse conservavano e che, dalla loro collocazione, presero il nome di “grottesche”. La definizione "Pittura a grottesche” è ancora utilizzata per indicare un genere, diffuso soprattutto nel XVI secolo, che riprende e rielabora i motivi della decorazione parietale romana.

Foto: sito Parco Archeologico del Colosseo

Ti potrebbe interessare anche

Informazioni

Indirizzo 
POINT (12.495374 41.890839)
Orari 

Venerdì, sabato e domenica
9.00 – 17.00

Visitabile solo con la visita Domus Aurea Experience.

Contatti 
Sito web: 
www.coopculture.it/it/poi/domus-aurea/
Sito web: 
https://parcocolosseo.it/area/domus-aurea/
Telefono: 
06 39967700 Coopculture tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00
Share Condividi

Location

Domus Aurea, Via della Domus Aurea, 1
Via della Domus Aurea, 1
41° 53' 27.0204" N, 12° 29' 43.3464" E

Per conoscere tutti servizi sull'accessibilità visita la sezione Roma accessibile.

Media gallery

Media gallery
Domus AureaDomus AureaDomus AureaDomus AureaDomus Aurea

Node Json Map Block

Mappa interattiva

Scegli eventi e i servizi nelle vicinanze

Le tue utility