Nuovi allestimenti al Museo delle Civiltà | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

Nuovi allestimenti al Museo delle Civiltà

Inaugurazione dei nuovi percorsi di visita e progetti di ricerca al Museo delle Civiltà 

Preistoria? Storie dall’Antropocene                     
Palazzo delle Scienze (2° piano)

Nel contesto del nuovo allestimento delle collezioni preistoriche del Museo delle Civiltà, Preistoria? Storie dall’Antropocene delinea un itinerario che si interroga sulla definizione stessa di “preistoria”, una “storia” composta da testimonianze materiali che ci restituiscono nel loro insieme molteplici sistemi di pensiero, invenzioni culturali, organizzazioni economiche, politiche e sociali.

La selezione di oggetti esposti – tra cui il cranio neandertaliano Guattari 1 del Circeo, le tre “Veneri” dei siti di Savignano, Lago Trasimeno e La Marmotta, e le piroghe recuperate dal fondo del lago di Bracciano insieme a centinaia di reperti provenienti dal villaggio neolitico de La Marmotta e la Fibula Prenestina co-abitano per millenni la Terra con tutte le altre specie viventi. La sezione si conclude con il primo capitolo di una ominazione immaginifica, disegnata dall’artista e graphic designer Goda Budvytytė e dalla studiosa di nanotecnologie Laura Tripaldi per immaginare possibili sviluppi dell’evoluzione e renderci creatori consapevoli e responsabili delle sue nuove storie. Nella sezione saranno inoltre presenti gli interventi di due artisti contemporanei: l’artista libanese Ali Cherri, recente vincitore del Leone d’Argento alla Biennale di Venezia di cui il Museo delle Civiltà introduce in collezione il film The Digger, e l’artista e antropologa Elizabeth A. Povinelli membro del collettivo indigeno australiano Karrabing Film & Art Collective, la quale interverrà sulle pareti del percorso espositivo riflettendo sul concetto di “preistoria”, re-interpretato come “sedimentazione” continua.

I nuovi ingressi metodologici
Palazzo delle Scienze (ingresso)
Palazzo delle Arti e Tradizioni Popolari (ingresso)

Saranno inoltre inaugurati i due nuovi ingressi simmetrici del Museo delle Civiltà: quello già operativo nel Palazzo delle Scienze e quello del Palazzo delle Arti e Tradizioni Popolari, riaperto dopo un restauro complessivo dell’area al piano terra dell’edificio. Entrambi gli ingressi saranno riconfigurati come un’introduzione storica e critica al museo, un racconto dell’istituzione nel corso del tempo, attraverso le sue differenti incarnazioni, per rispondere a domande come: “che museo sto per visitare?”, “può un museo antropologico essere un museo contemporaneo?”.

Gli ingressi permetteranno di approfondire tipologie e strumenti di ricerca adottati nei vari dipartimenti e sezioni del museo, oltre ad esplorare il rapporto fra il museo e la storia del quartiere dell’EUR, e a rivedere criticamente le metodologie attraverso l’intervento di artisti contemporanei quali Gianfranco Baruchello, Rossella Biscotti, Peter Friedl, Pino Musi e Moira Ricci..

Le Research Fellowship
Palazzo delle Scienze (ingresso)
Palazzo delle Arti e Tradizioni Popolari (ingresso)

Mercoledì 26 ottobre saranno presentate le prime Research Fellowship del Museo delle Civiltà, affidate a sei artisti che daranno avvio a un programma di lungo termine in cui sviluppare autonomi progetti di ricerca. I quali verteranno sugli archivi e le collezioni del museo e le molteplici tematiche che esse pongono in materia di contestualizzazione, catalogazione e metodologia di ricerca, in funzione di una riflessione comune volta all’adozione di pratiche condivise nei processi di prestito, esposizione e restituzione.

I sei artisti del programma pluriennale di Research Fellowship sono Maria Thereza Alves, Sammy Baloji, DAAR- Sandi Hilal & Alessandro Petti, Bruna Esposito, Karrabing Film & Art Collective, Gala Porras-Kim.

Georges Senga
Comment un petit chasseur païen devient Prêtre Catholique
dal 26 ottobre 2022 al 5 marzo 2023
Palazzo delle Scienze (1° piano)

La mostra, a cura di Lucrezia Cippitelli, presenta per la prima volta in un allestimento unitario le opere fotografiche e filmiche e i materiali d’archivio ricercati, prodotti e post-prodotti nel processo di investigazione dell’artista congolese Georges Senga sulla figura di Bonaventure Salumu, “cacciatore pagano” che tra gli anni ‘40 e ‘60 del XX secolo riceve un’educazione cristiana da alcuni missionari, viene ordinato al sacerdozio come Gesuita, si trasferisce in Europa e infine torna nel suo villaggio natale, dove diventa marito e padre.

Attraverso la narrazione di una storia intima e personale (il viaggio di Salumu in Europa, la sua permanenza, i suoi viaggi, il ritorno nello Zaire, oggi Repubblica Democratica del Congo), il progetto esplora le relazioni pre-coloniali e post-coloniali tra Europa e Africa, a partire dal XVI secolo e fino alla modernità. In occasione della mostra sarà pubblicato un catalogo monografico.

Informazioni

Quando 
dal 26 Ottobre 2022 al 5 Marzo 2023
POINT (12.471736 41.832366)
Contatti 
Email: 
mu-civ@cultura.gov.it
Sito web: 
https://museocivilta.cultura.gov.it/events/nuovi-allestimenti-al-museo-delle-civilta/?occurrence=2022-10-26
Telefono: 
06 549521
Orari 

Inaugurazione mercoledì 26 ottobre 2022
dalle ore 13.00 alle 22.00

Share Condividi

Location

Nuovi allestimenti al Museo delle Civiltà, Piazza Guglielmo Marconi, 14
Piazza Guglielmo Marconi, 14
41° 49' 56.5176" N, 12° 28' 18.2496" E

Media gallery

Node Json Map Block

Mappa interattiva

Scegli eventi e i servizi nelle vicinanze

Le tue utility