Scuderie del Quirinale | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

Scuderie del Quirinale

Scuderie del Quirinale
Scuderie del Quirinale
Scuderie del Quirinale
Scuderie del Quirinale

Costruito nell'arco di un decennio, tra il 1722 e il 1732, il palazzo delle Scuderie al Quirinale delimita, con il Palazzo del Quirinale e il Palazzo della Consulta, lo straordinario spazio urbano al centro del quale è posta la fontana con le statue dei Dioscuri e l'obelisco ritrovato nell'Ottocento nei pressi del Mausoleo di Augusto. L'edificio delle Scuderie è collocato a ridosso del muro che chiude il giardino Colonna e poggia sui resti, in parte ancora visibili, del grandioso tempio romano di Serapide.

La superficie complessiva delle Scuderie Papali è di circa 3000 metri quadrati, distribuiti su più piani. In particolare, al primo e al secondo piano ampi spazi di circa 1500 metri quadrati costituiscono la zona espositiva. Al piano ammezzato è allestita una caffetteria mentre il piano terra ospita i servizi di accoglienza, la libreria, il negozio di oggettistica e spazi riservati a iniziative collaterali alle mostre.

Il primo progetto per le nuove Scuderie si deve ad Alessandro Specchi, che per volere di papa Innocenzo XIII, ricevette l'incarico di realizzare un edificio per sostituire quello semplice e dimesso costruito da Carlo Fontana all'inizio del XVIII secolo. La morte del Papa interruppe i lavori per sei anni fino a quando, nel 1730, Clemente XII decise di completare l'opera affidandola a Ferdinando Fuga. Fuga volle mantenere la struttura architettonica del suo predecessore ma trasformò il prospetto esterno, alzando il piano mezzanino, ridisegnando la facciata e arricchendo i portali centrali. L'ingresso del palazzo, costituito da due scalinate semiellittiche, rese dal Fuga ancora più scenografiche con un'elegante balaustra, fu demolito nel 1865 durante i lavori della salita di Monte Cavallo. L'edificio delle Scuderie al Quirinale ha mantenuto la sua funzione originaria di rimessa per carrozze e poste di cavalli fino al 1938, anno in cui venne adattato ad autorimessa.

Le non perfette condizioni dell'edificio delle Scuderie Papali e la necessità di rendere lo spazio idoneo alla sua nuova funzione, hanno reso indispensabile un significativo lavoro di restauro. L'intervento, progettato dall'architetto Gae Aulenti e diretto dalla Soprintendenza per i beni architettonici e ambientali di Roma, ha consentito di recuperare un'opera architettonica di straordinaria posizione urbana e di valorizzare spazi che per prestigio e dimensioni costituiscono un luogo espositivo di ineguagliabile valore.
L'iniziativa che ha portato al restauro integrale dell'edificio risale al 20 febbraio 1997, data in cui la Presidenza della Repubblica concede in uso al Comune di Roma le Scuderie. Il 10 luglio dello stesso anno il Comune affida all'Agenzia per il Giubileo l'utilizzo e la gestione dell'edificio settecentesco.

Dopo due anni e mezzo di lavori, il 21 dicembre 1999, alla presenza del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, si inaugura la nuova sede espositiva con una mostra I cento capolavori dell'Ermitage. Non solo una rassegna di grandi maestri, ma anche un documento sulla storia del gusto e del collezionismo del primo Novecento. È la prima volta, infatti, che dal Museo di San Pietroburgo esce una così ampia selezione delle celebri collezioni russe. Un centinaio di dipinti e disegni di Degas, Monet, Renoir, Cézanne, Gauguin, Rousseau le Douanier, Vlaminck, Derain, Vallotton, Vuillard, Sisley, Pisarro, Matisse e Picasso rimangono alle Scuderie fino al giugno 2000.

Nel corso degli anni, le linee guida che legano, con scientifica continuità, la scelta delle mostre e la loro programmazione alle Scuderie, si incentrano su un programma di divulgazione dell’arte italiana classica e moderna con grandi esposizioni dedicate ad artisti del calibro di Caravaggio, Antonello da Messina, Lorenzo Lotto, Filippino Lippi e Sandro Botticelli, Tintoretto, Tiziano e Raffaello, nonché sulla riflessione approfondita e innovativa sui rapporti reciproci tra l’Italia e la grande arte internazionale con quelle dedicate a Rembrandt, Velazquez, Bernini, Luca Giordano, Da Giotto a Malevic.

Ti potrebbe interessare anche

Informazioni

Indirizzo 
POINT (12.4867468 41.8986567)
Orari 

Aperto solo in occasione di mostre

per gli orari consultare il >sito ufficiale o le mostre in corso

Contatti 
Acquisto online: 
https://scuderiequirinale.vivaticket.it
Email: 
info@scuderiequirinale.it
Email: 
gruppi@vivaticket.com
Facebook: 
www.facebook.com/ScuderieQuirinale
Instagram: 
www.instagram.com/scuderiequirinale
Sito web: 
www.scuderiequirinale.it
Telefono: 
02 92897722 prenotazioni visite e laboratori
Twitter: 
www.twitter.com/Scuderie
YouTube: 
www.youtube.com/user/ScuderieQuirinale
Servizi 
Accessibile ai disabili
Audioguida
Bar
Guardaroba
Libreria
Punto vendita prodotti editoriali
Share Condividi

Location

Scuderie del Quirinale, Via 24 Maggio, 16
Via 24 Maggio, 16
41° 53' 55.1652" N, 12° 29' 12.2892" E

Per conoscere tutti servizi sull'accessibilità visita la sezione Roma accessibile.

Media gallery

Media gallery
Scuderie del QuirinaleScuderie del QuirinaleScuderie del Quirinale

Node Json Map Block

Mappa interattiva

Scegli eventi e i servizi nelle vicinanze

Le tue utility