Palazzo Orsini Taverna | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

Palazzo Orsini Taverna

Foto EIIS - European Institute for Innovation and Sustainability

Il palazzo è costituito da un insieme di edifici che occupano una collinetta artificiale, che si era formata forse con l’accumulo dei materiali lapidei di un vicino porto sul Tevere e che nel Medioevo venne fortificata. Il primo proprietario di cui si ha notizia, intorno alla metà del XII secolo, è un certo Giovanni di Roncione o Ronzone, signore di Riario. Circa un secolo dopo, una parte dell’altura era abitata dagli Stefaneschi e un documento ricorda la presenza di una “torre maggiore”. La potente famiglia romana degli Orsini vi si insediò pochi anni dopo, stabilendovi uno dei suoi principali capisaldi e controllando da lì tutta l’area circostante, ma solo nel 1328 la collinetta verrà chiamata Mons Ursinorum.

Il “monte” è ricordato anche da Dante nel Canto XVIII dell’Inferno quando descrive il percorso dei pellegrini diretti a San Pietro durante il Giubileo del 1300. Il nome attuale di Monte Giordano attribuito all’altura deriva da Giordano Orsini, senatore di Roma nel 1341, o dall’omonimo cardinale morto nel 1438. Da un fortilizio irto di torri, l’edificio si trasformò presto in un complesso di nobili edifici divisi tra i vari rami della famiglia Orsini: i duchi di Bracciano, i conti di Pitigliano, i signori di Marino e poi di Monterotondo. Nel 1549 il palazzo fu abitato dal cardinale Ippolito d'Este che lo utilizzò come luogo di incontri mondani e culturali, ospitandovi anche Torquato Tasso.

Alla fine del Seicento, l’intero complesso fu venduto ai nobili romani Pietro e Antonio Gabrielli che lo ristrutturarono e ampliarono, acquistando anche le altre case intorno al monte e creando un unico grande complesso edilizio. Molte furono le personalità illustri che lo frequentarono e abitarono, tra cui l’imperatrice Eugenia, moglie di Napoleone III. L’ultimo cambiamento di proprietà avvenne alla fine dell’Ottocento a favore dei conti Taverna di Milano, che ne sono tuttora proprietari.

Dal grande ingresso a volta in via di Monte Giordano si scorge il cortile maggiore del palazzo con la bellissima fontana costruita all’inizio del Seicento da Antonio Casoni e modificata nel Settecento, con quattro vasche successive e concentriche raccordate da volute floreali. L’insieme di edifici, nel quale si distinguono cinque unità principali, presenta nel lato su via di Panico e via di Monte Giordano un imponente muro a scarpa risalente al XVI secolo attribuito a Baldassarre Peruzzi. Il palazzo più antico si affaccia sul vicolo Domizio, mentre sulla sinistra si trovano il palazzo dei Conti di Pitigliano e il palazzo dei Signori di Monterotondo con una massiccia torre ottocentesca in stile medievale, chiamata Augusta in onore della moglie del proprietario Placido Gabrielli. Il complesso ospita oggi differenti attività, tra cui sale di ricevimento, residenze diplomatiche, gallerie d’arte il nuovo spazio culturale “Spazio Taverna”, promosso da EIIS - European Institute for Innovation and Sustainability.

Informazioni

Indirizzo 
POINT (12.469147 41.89953)
Contatti 
Email: 
roma@aldobrandini.it
Fax: 
+39 06 6877291
Telefono: 
+39 06 6833785 oppure 06 - 68307957
Servizi 
Sala convegni
Share Condividi

Location

Palazzo Orsini Taverna, Via di Monte Giordano, 36
Via di Monte Giordano, 36
41° 53' 58.308" N, 12° 28' 8.9292" E

Media gallery

Node Json Map Block

Mappa interattiva

Scegli eventi e i servizi nelle vicinanze

Le tue utility