Basilica di San Sebastiano fuori le Mura | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

Basilica di San Sebastiano fuori le Mura

Al terzo miglio della Via Appia Antica, sul luogo dove secondo la tradizione furono temporaneamente custoditi, in tempo di persecuzioni, i corpi degli apostoli Pietro e Paolo, sorge la basilica di S. Sebastiano, oggi dedicata a questo popolare - e assai rappresentato - santo narbonese ma in origine nota come basilica apostolorum. Da questo luogo, citato nelle fonti antiche come ad catacumbas (forse per la presenza di avvallamenti o fosse, kymbas in greco), deriverebbe per estensione anche il termine "catacomba". In effetti la basilica costituisce tuttora il fulcro della più ampia e conosciuta area di cimiteri paleocristiani di Roma.

Nella prima metà del IV secolo ebbe inizio la costruzione della chiesa, a navata centrale racchiusa da un deambulatorio, con ricche decorazioni e pavimento completamente lastricato di tombe. Nel V secolo la basilica è già sicuramente intitolata a San Sebastiano ma nell’826, per il fondato timore d’incursioni saracene, il corpo del santo venne rimosso e traslato in S. Pietro dove rimase fino al 1218, quando Onorio III Savelli (1216-1227) lo ricondusse solennemente nella chiesa a lui dedicata.

La basilica mostra oggi l’aspetto che le deriva dagli interventi promossi agli inizi del XVII secolo dal cardinale Scipione Borghese, nipote di papa Paolo V (1605-1621). Iniziati nel 1608, i lavori furono affidati a Flaminio Ponzio e proseguiti da Giovanni Vesanzio, autore della facciata terminata nel 1613. Al pontificato di Clemente XI Albani (1700-1721) si deve la costruzione del sacello del Ss. Sacramento (o Cappella Albani). La facciata è scandita dalle colonne ioniche binate del portico, a tre archi, cui corrispondono le paraste dell’ordine superiore. Nell’interno, a navata unica, si segnala il soffitto ligneo del Vasanzio con stemmi del cardinale Borghese e di Gregorio XVI Cappellari (1831-1846), che nel XIX secolo promosse il restauro dell’edificio. Nella Cappella delle reliquie (1625) si conservano le impronte ritenute dei piedi di Cristo al momento del "Domine quo vadis?", una delle frecce che colpirono San Sebastiano e la colonna del martirio di quest’ultimo.

La Cappella Albani (1706-1712), a pianta quadrata con abside e cupola, si presenta in ricche forme barocche ed è decorata con opere di Pier Leone Ghezzi e Giuseppe Passeri. Nella Cappella di S. Sebastiano, progettata da Ciro Ferri nel 1672, si segnala, sotto l’altare, la statua giacente di San Sebastiano, capolavoro di Antonio Giorgetti (1671-1672) su disegno di Gian Lorenzo Bernini. Da una scala situata in quella che, prima della ristrutturazione seicentesca, era la navata destra della chiesa si può scendere al vasto complesso delle catacombe di S. Sebastiano.

Informazioni

Indirizzo 
POINT (12.516673 41.85561)
Orari 

Tutti i giorni ore 8.00-13.00 / 14.00-17.30

E' possibile visitare la chiesa durante la celebrazione della Santa Messa quando si svolge nella cappella.
Gli orari possono subire cambiamenti. Si suggerisce di verificare contattando la chiesa o visitare il sito:  www.vaticano.com/turismo/scheda_198_basilica-di-san-sebastiano-fuori-le-mura-roma.html

 

Contatti 
Email: 
parrocchiadisansebastiano@gmail.com
Email: 
SanSebastianofuorileMura@VicariatusUrbis.org
Fax: 
+39 06 7843745
Sito web: 
http://www.vaticano.com/turismo/scheda_198_basilica-di-san-sebastiano-fuori-le-mura-roma.html
Telefono: 
+39 06 7808847
Share Condividi

Location

Basilica di San Sebastiano fuori le Mura, Via Appia Antica, 136
Via Appia Antica, 136
41° 51' 20.196" N, 12° 31' 0.0228" E

Media gallery

Node Json Map Block

Mappa interattiva

Scegli eventi e i servizi nelle vicinanze

Le tue utility