Il Tempio Maggiore | Turismo Roma
Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il tuo viaggio su misura

Social Block

You are here

Il Tempio Maggiore

A seguito della breccia a Porta Pia nel 1870 e la conseguente conquista di Roma da parte dell’esercito italiano, gli ebrei finalmente raggiunsero la piena emancipazione, l’equiparazione dei diritti civili e la possibilità di erigere, dopo secoli di limitazioni, le loro sinagoghe monumentali.

Le richieste furono che il Tempio fosse visibile da ogni punto panoramico della città e che fosse edificato sui luoghi delle aspre battaglie risorgimentali, sotto l’egida del monumento a Garibaldi. Per questo viene scelta Piazza delle Cinque Scole che affaccia sul fiume Tevere ed è situata tra i due maggiori simboli della ritrovata libertà romana: il Campidoglio, sede del Comune e il Gianicolo. Si decide, quindi, l’edificazione di una delle sinagoghe più grandi d’Europa, Il Tempio Maggiore su uno dei quattro lotti di terreno ricavati dalla demolizione delle aree più fatiscenti del Ghetto ebraico di Roma, esattamente nello stesso luogo in cui per secoli gli ebrei erano stati rinchiusi. L’area viene demolita e bonificata a seguito del piano regolatore del 1888.

I lavori iniziano nel 1901 con l’avallo del re Vittorio Emanuele II che concede, inoltre, la cittadinanza agli ebrei italiani e dà l’ordine di ricostruire il Ghetto di Roma. La Sinagoga, inaugurata in pompa magna il 28 luglio 1904 alla presenza di tutte le autorità cittadine e con il Ghetto parato a festa, è un edificio massiccio e di grandi dimensioni, con base quadrata sormontata da una imponente mole rivestita in alluminio, sempre con base quadrata, in stile eclettico ispirato a forme assiro-babilonesi.

Il piano interrato ospita il ricco Museo della comunità ebraica di Roma e una piccola sinagoga, il Tempio Spagnolo, allestita con parte degli arredi provenienti dalle “cinque scole”, le sinagoghe presenti nell’antico Ghetto: la Castigliana, la Catalana, la Siciliana, la Nova e l’Italiana.

Gli arredi delle vecchie sinagoghe furono recuperati per il Tempio Maggiore, la cui decorazione venne affidata ai principali artisti Liberty dell’epoca. Le vetrate sono opera di Cesare Picchiarini, mentre i dipinti sono di Domenico Bruschi e Annibale Brugnoli mentre l’interno è riccamente decorato con motivi orientali. Il pulpito (Bimah) è in stile Art Nouveau ed è arricchito da un prezioso organo a canne costruito nel 1904 dai fratelli Rieger.

Oggi la Sinagoga è visitabile dalla domenica al giovedì; il sabato è interamente dedicato al culto.

Dopo la visita al Tempio, vale sicuramente la pena visitare il Ghetto e il famoso Portico d'Ottavia, e approfittare dell’occasione per gustare uno dei deliziosi piatti della tradizione ebraico-romanesca, in uno dei tanti ristoranti kosher.

Informazioni

Indirizzo 
POINT (12.476447 41.891808)
Orari 

Visitabile solo con visita guidata attraverso l'ingresso al Museo Ebraico.
Sabato non è consentita la visita (il tempio è dedicato esclusivamente al culto)

Contatti 
Fax: 
+39 06 68400684
Telefono: 
+39 06 68400661
Servizi 
Visite guidate
Share Condividi

Location

Sinagoga - Comunità Ebraica, Lungotevere de' Cenci
Lungotevere de' Cenci
41° 53' 30.5088" N, 12° 28' 35.2092" E

Media gallery

Node Json Map Block

Mappa interattiva

Scegli eventi e i servizi nelle vicinanze

Le tue utility