Vivere Roma, scoprire Roma
Servizi turistici e offerta culturale
060608
Il mio viaggio

Social Block

You are here

Il trionfo dei sensi. Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti

Il trionfo dei sensi. Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti

Dal 22 febbraio al 16 giugno 2019, le Gallerie Nazionali di Arte Antica presentano, nella sede di Palazzo Barberini, la mostra “Il trionfo dei sensi. Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti”.

L’esposizione indaga la prima attività di Mattia Preti e la sua formazione nella bottega romana del fratello Gregorio e ruota attorno all’”Allegoria dei cinque sensi”, una monumentale tela d’ispirazione caravaggesca, rimasta per anni chiusa in un deposito.

Realizzato dai due fratelli negli anni Quaranta del Seicento, il dipinto mostra diversi gruppi di personaggi intenti in attività quotidiane che diventano immagine allegorica dei cinque sensi, secondo un modello molto in voga nel Seicento.

La tela raffigura una scena di taverna. Il Tatto viene rappresentato dalla “buona ventura” nella quale sono i richiami alla pittura di Caravaggio; il Gusto è rappresentato dalla donna intenta a versare il vino e dall’uomo, alla sua destra, intento a berlo; l’Olfatto dal fumatore di pipa al centro dell’opera; la Vista dai due giocatori di morra vicini al fumatore; e l’Udito dal gruppo di musici raccolti intorno alla suonatrice di spinetta.

La composizione è molto animata e ricca di figure, la forza e il contrasto tra i colori denota una certa ricerca cromatica e luministica.

Saranno presenti in mostra altre undici opere che raccontano lo stretto legame esistente tra i due artisti: da un lato Gregorio, legato a esiti di stampo ancora accademico, e dall’altro il più giovane e talentuoso Mattia, suggestionato dall’universo caravaggesco e già cosciente dei nuovi influssi di Guercino e di Lanfranchi sul barocco romano.

L’“Allegoria dei cinque sensi” di Palazzo Barberini sarà esposta al pubblico per la prima volta assieme al “Concerto con scena di buona ventura”, suo ideale pendant proveniente dall’Accademia Albertina di Torino e ad altri quadri frutto della collaborazione dei due artisti, come il Cristo davanti a Pilato di Palazzo Pallavicini Rospigliosi e il Cristo che guarisce l’idropico di collezione privata milanese.

In mostra saranno presentati anche importanti dipinti inediti di Mattia: primo fra tutti il monumentale “Cristo e la Cananea”, in origine nella collezione dei Principi Colonna, opera capitale del periodo romano del pittore, databile su base documentaria al 1646-1647. La scoperta dello straordinario dipinto – il primo dell’artista fornito di una data certa – ha permesso di precisare la cronologia della sua prima produzione.

Saranno esposti al pubblico per la prima volta anche l’“Archimede”, oggi a Varese, e un “Apostolo” di collezione privata torinese, che documentano la precoce riflessione di Mattia sulla pittura di Caravaggio e di Jusepe de Ribera. Chiude il percorso espositivo un’ulteriore nuova proposta per gli anni romani dell’artista: una mirabile “Testa di bambina”, ritrovata nei depositi della Galleria Corsini.

Molte le attività collaterali previste: occasione straordinaria per i visitatori saranno le visite guidate gratuite dei curatori in programma ogni mercoledì alle ore 17.00 (escluso il 1° maggio).

In programma, inoltre, un ciclo di conferenze (16 aprile, 7 maggio, 21 maggio, 11 giugno) su Mattia e Gregorio Preti.

Informazioni

Quando 
dal 22 Febbraio 2019 al 16 Giugno 2019
POINT (12.4900477 41.9031496)
Contatti 
Sito web: 
https://www.barberinicorsini.org/evento/il-trionfo-dei-sensi-nuova-luce-su-mattia-e-gregorio-preti/
Orari 

dal 22 febbraio al 16 giugno 2019
Martedì-domenica ore 8.30-19.00
Chiuso lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio, 1 maggio
La biglietteria chiude un'ora prima

Giorni di chiusura 
Lunedì
Share Condividi

Location

Il trionfo dei sensi. Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti, Via delle Quattro Fontane, 13
Via delle Quattro Fontane, 13
41° 54' 11.34" N, 12° 29' 24.1728" E

Media gallery

Node Json Map Block

Mappa interattiva

Scegli eventi e i servizi nelle vicinanze

Le tue utility